Questo sito utilizza cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie.Clicca qui

SanPonziano.net

Parrocchia San Ponziano di Roma

Storia di San Ponziano

Icona di San PonzianoSan Ponziano è Papa e Martire. Fu eletto nel 231. Quattro anni dopo fu relegato in Sardegna dall'imperatore Massimino insieme al sacerdote Ippolito. Lì morì dopo aver rinunziato alla sua dignità. Fu sepolto nel cimitero di Callisto. Ponziano e Ippolito vengono festeggiati il 13 agosto.

Icona di San Ponziano

 

Secondo la tradizione Ippolito, avendo idee teologiche diverse da Ponziano, ne avrebbe contestato l'elezione al Pontificato, divenendo antipapa. Una volta condannati entrambi all'esilio, i due si sarebbero riconciliati: Ippolito avrebbe rinunciato allo scisma e Ponziano si sarebbe dimesso, permettendo così l'elezione del suo successore. Se tutto ciò fosse vero, Ponziano avrebbe tre caratteristiche davvero degne di nota: sarebbe il primo Papa ad essersi dimesso, sarebbe diventato martire senza essere stato ucciso (nelle miniere in Sardegna si moriva di stenti) e sarebbe venerato come santo insieme al suo antipapa. Ponziano e Ippolito vengono infatti festeggiati insieme il 13 di agosto.

Icona di San Ponziano

Un'indagine storica sulla figura, l'apostolato ed il martirio di San Ponziano

Ponziano, pontefice martire e santo

Nella Roma imperiale di III sec. d.C., Ponziano, santo cui è dedicato il titulus della nostra parrocchia, appare come una figura dai contorni talvolta sfumati nella leggenda: tuttavia, dal minuzioso esame delle fonti storiche a noi pervenute (malgrado qualche discordanza tra le varie notizie), si riscontra che si trattò di un personaggio reale e di forte rilievo nella storia delle prime comunità cristiane di Roma, tanto che può rivelarsi di grande interesse metterne meglio a fuoco la figura, l’apostolato, il martirio.

 

Leggi tutto: Un'indagine storica sulla figura, l'apostolato ed il martirio di San Ponziano

San Ponziano Papa e martire

13 agosto - Memoria Facoltativa

immagine di San PonzianoPonziano, papa dal 230 al 235, e Ippolito, sacerdote, condannati dall'imperatore Massimino ai lavori forzati nelle miniere di Sardegna (235), vi morirono a causa dei maltrattamenti. La traslazione di Ponziano nella cripta dei Papi nel cimitero di Callisto e di Ippolito in quello sulla via Tiburtina a Roma il 13 agosto è attestata dalla 'Depositio Martyrum' (354). (Mess. Rom.)

Emblema: Palma

Martirologio Romano: Santi martiri Ponziano, papa, e Ippolito, sacerdote, che furono deportati insieme in Sardegna, dove entrambi scontarono una comune condanna e furono cinti, come pare, da un’unica corona. I loro corpi, infine, furono sepolti a Roma, il primo nel cimitero di Callisto, il secondo nel cimitero sulla via Tiburtina.

Ponziano, dell'antica e nobile famiglia dei Calpurni, venne eletto papa nel 230, durante l'impero del mite e saggio Alessandro Severo, la cui tolleranza in fatto di religione permise alla Chiesa di riorganizzarsi. Ma proprio in questa parentesi di pace avvenne nella Chiesa di Roma la prima funesta scissione che contrappose al legittimo pontefice un antipapa, nella persona di quell'Ippolito, restituito da un provvidenziale martirio all'unità e alla santità. Ippolito, sacerdote, colto e austero, poco incline all'indulgenza e timoroso che in ogni riforma si celasse l'errore, era giunto ad accusare di eresia lo stesso pontefice S. Zefirino e il diacono Callisto, e quando quest'ultimo fu eletto papa nel 217, si ribellò, accettando di essere lui stesso invalidamente eletto dai suoi partigiani.

Si mantenne nello scisma anche durante il pontificato di S. Urbano I e di S. Ponziano. Intanto l'imperatore Alessandro Severo veniva ucciso in Germania dai suoi legionari e gli subentrava il trace Massimino, che rispolverò gli antichi editti persecutori nei confronti dei cristiani. Trovandosi di fronte a una Chiesa con due capi, senza pensarci su spedì entrambi ai lavori forzati in una miniera della Sardegna. Ponziano è il primo papa deportato. Era un fatto nuovo che si verificava nella Chiesa e Ponziano seppe risolverlo con saggezza e umiltà: perché i cristiani non fossero privati del loro pastore rinunciò al pontificato, e anche questa spontanea rinuncia è un fatto nuovo.

A succedergli fu il greco Antero, che governò la Chiesa per quaranta giorni soltanto. Il gesto generoso di Ponziano deve aver commosso l'intransigente Ippolito che morì infatti riconciliato con la Chiesa nel 235. Secondo un'epigrafe dettata da papa Damaso, Ippolito, pur essendosi ostinato nello scisma per un malinteso zelo, nell'ora della prova "al tempo in cui la spada dilaniava le viscere della madre Chiesa, mentre fedele a Cristo camminava verso il regno dei santi", ai seguaci che gli domandavano quale pastore seguire indicò il legittimo papa come unica guida e "per questa professione di fede meritò d'essere nostro martire". D'altronde studi recenti porterebbero a distinguere tre diversi personaggi: un Ippolito vescovo e scrittore, un Ippolito martire romano e un terzo, autore di saggi filosofici, da identificarsi con l'antipapa contrapposto a Callisto e a Ponziano. I corpi dei due martiri, trasportati a Roma con grande onore vennero sepolti, Ippolito lungo la via Tiburtina e Ponziano nelle catacombe di S. Callisto.

Autore: Piero Bargellini

Gli avvisi e le notizie della parrocchia San Ponziano possono essere seguiti anche sui social network Facebook icona Facebook, Twitter icona Twitter e Google+ logo Google plus

Condivisioni

Cerca

Mappa visite

Copyright © 2017 Parrocchia San Ponziano di Roma. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.


Creative Commons License
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.